Una Regione-Energia promuove una forma di collaborazione intercomunale in cui i Comuni perseguono obiettivi di politica energetica congiuntamente ai propri abitanti, alle aziende e alle organizzazioni presenti sul proprio territorio. Grazie a questa collaborazione riescono a ottenere risultati migliori con uno sforzo comune.

In quanto organizzazioni intercomunali di più ampio respiro, le città e i Comuni unite in una Regione-Energia possono spesso attuare misure di politica energetica meglio, in modo più semplice e in modo più conveniente. Molte più persone beneficiano dei progetti realizzati congiuntamente, e lo sforzo per il singolo è ridotto.

Con il programma Regione-Energia, l'Ufficio federale dell’energia (l’UFE) sostiene i comuni nella loro cooperazione nei settori delle energie rinnovabili e dell'efficienza energetica. I comuni che si organizzano come Regioni-Energia beneficiano di una consulenza specialistica sull’attuazione di progetti concreti. Inoltre, il programma di promozione dei progetti Regione-Energia fornisce sovvenzioni economiche interessanti. Il Centro di competenza offre sostegno alle regioni interessate dalle prime fasi di sviluppo e fornisce consigli sulla creazione di sponsorizzazioni e sull’attuazione di progetti.

Perché diventare una Regione-Energia?

Per i comuni, le imprese e anche la popolazione, ci sono numerose ragioni per cui vale la pena promuovere la cooperazione intercomunale e diventare una Regione-Energia.

  • Agire a livello regionale: i confini comunali sono strumenti politici virtuali. Pur non costituendo un ente dotato di competenze, la regione rappresenta un importante livello operativo, soprattutto nel settore energetico. Attraverso la collaborazione di diversi comuni è possibile sfruttare al meglio risorse e sinergie. La logica conseguenza pertanto è uno scambio di risorse volto a un approvvigionamento energetico intelligente e sostenibile tra i singoli Comuni e addirittura tra le regioni. 
  • Aumentare l’autoapprovvigionamento: il bilancio energetico annuale mette in evidenza l’effettivo fabbisogno di energia locale e i potenziali di auto produzione da fonti rinnovabili. Attraverso uno sfruttamento coerente dei potenziali in termini di energia rinnovabile e un incremento dell’efficienza energetica nel lungo termine, le regioni possono ottenere svariati vantaggi. Un elevato grado di autoapprovvigionamento riduce i costi e allo stesso tempo permette di esportare energia in altre aree, conseguendo degli utili energetici ed economici. 
  • Ridurre il fabbisogno di energia: Oltre allo sfruttamento ottimale dei potenziali della regione nella produzione di energie rinnovabili, occorre ridurre il proprio fabbisogno di energia e armonizzare al meglio domanda e offerta. Esempi efficaci per ridurre il fabbisogno di energia locale e regionale sono costituiti da concetti mobilità intelligente per la popolazione, incentivi ai privati per il risanamento degli edifici e un adeguato coinvolgimento nella politica energetica locale delle aziende ad alto consumo di energia.
  • Rafforzare l’economia regionale: La forza lavoro specializzata e le imprese locali possono rappresentare un prezioso know-how nell’ambito di questi innovativi servizi e tecnologie del settore energetico e posizionarsi in modo ottimale su un mercato sempre più in espansione. Grazie a concetti innovativi e un ampliamento mirato della rete di attori regionali è possibile addirittura integrare nella Regione-Energia altri settori ad elevato valore aggiunto come l’agricoltura e il turismo e consolidarli in modo sostenibile.

Il nome «Regione-Energia» non è un label o un termine protetto. Qualsiasi organizzazione intercomunale attiva nel campo delle energie rinnovabili e dell'efficienza energetica è invitata a identificarsi come Regione-Energia.

Diventa subito una Regione-Energia

Ottieni una sintesi dei valori aggiunti di essere una Regione-Energia e lasciati ispirare dalle Regioni-Energia esistenti.

Area di lavoro

Per saperne di più sugli argomenti e le possibili forme organizzative di una Regione-Energia, consulta la nostra guida: 
Guida «Collaborazione intercomunale nelle Regioni-Energia»

Altri strumenti sono disponibili gratuitamente nell'area di lavoro di Regione-Energia.

Campi d'azione di una Regione-Energia

Per aumentare l’efficienza energetica e promuovere l’impiego delle energie rinnovabili, è possibile adottare misure in diversi campi d’azione:

  • nel settore della pianificazione e sviluppo territoriale è possibile coordinare a livello intercomunale misure di efficienza energetica o utilizzo di fonti rinnovabili nei regolamenti edilizi e nei piani urbanistici;
  • per gli edifici e gli impianti comunali si possono elaborare a scala regionale degli standard edilizi per gli edifici e concetti di risanamento;
  • a livello di approvvigionamento energetico e smaltimento rifiuti, è possibile organizzare a livello intercomunale lo smaltimento delle acque urbane con sistemi di recupero del calore e l’approvvigionamento di elettricità rinnovabile;
  • anche nel settore della mobilità esistono importanti misure, ad esempio il coordinamento sovralocale delle piste ciclabili o la pianificazione di nuove stazioni di ricarica dei veicoli elettrici;
  • per quanto riguarda l’organizzazione interna sono ipotizzabili direttive per gli acquisti comuni o concorsi sul risparmio di energia e sull’acquisto di materiale di consumo ecologico;
  • nell’ambito della comunicazione e cooperazione, ad esempio si può pensare a campagne congiunte, Servizi regionali di consulenza energetica e al coinvolgimento dei commercianti locali.

Il Centro di competenza aiuta i partecipanti interessati a individuare e sviluppare i campi d’azione più pertinenti.

I vantaggi di una Regione-Energia:

  • promuove e rende possibile l’attuazione di progetti concreti nel settore energetico contribuendo così allo sviluppo economico della regione;
  • consente agli enti pubblici di assumere in modo coerente la loro funzione di modello;
  • coordina le attività tra l’amministrazione pubblica, i fornitori di energia, i commercianti e i privati;
  • attua una comunicazione congiunta verso l’opinione pubblica con l’obiettivo di sensibilizzare e motivare la popolazione ad attivarsi.

«In una Regione-Energia si lavora insieme per raggiungere gli obiettivi di politica energetica. I Comuni, assieme a residenti, imprenditori e organizzazioni, si impegnano tutti nella stessa direzione.»

Flavio Petraglio
Direzione regionale Regione-Energia

Cifre e fatti

Un numero in crescita

Dal 2012, più di 50 Regioni-Energia diverse hanno partecipato alla promozione dei progetti Regione-Energia di «SvizzeraEnergia per i Comuni».

Dal 2012, più di 50 Regioni-Energia diverse hanno partecipato alla promozione dei progetti Regione-Energia di «SvizzeraEnergia per i Comuni».

Collaborazione forte

Nel 2021/22, circa 25 Regioni-Energia beneficeranno delle varie offerte di promozione dei progetti. Sono coinvolti circa 250 comuni.

Nel 2021/22, circa 25 Regioni-Energia beneficeranno delle varie offerte di promozione dei progetti. Sono coinvolti circa 250 comuni.

Regione-Energia Direzione regionale
Petraglio
Flavio
Evolve
Via del Tiglio 2
6512 Bellinzona-Giubiasco